Alimentazione Yogurt

Quando mangiare lo yogurt per massimizzarne i benefici?

Che lo yogurt faccia bene non c’è dubbio. Ma a volte i suoi benefici dipendono dal momento della giornata in cui lo consumiamo.
#VerdeLatteRosso

Che faccia bene, non c’è dubbio. Il Ministero della Salute, nelle sue linee guida alimentari, suggerisce precisamente tre porzioni da 125 g al giorno di latte o yogurt. E anche nella giustamente rinomata “dieta mediterranea” il consumo di latte fermentato è posto fra gli alimenti da assumere tutti i giorni.

Ma i suoi benefici sono sempre gli stessi o dipendono dal momento in cui lo consumiamo? A colazione, prima di andare a dormire, dopo mangiato, lontano dai pasti… Quando mangiare lo yogurt per massimizzarne l’effetto benefico? La risposta non è banale, e per molto tempo si sono date risposte diverse. Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza.

02_yogurt_mattina.jpgQuando mangiare lo yogurt: prima o dopo i pasti?

Per molto tempo è stato quasi un dogma: lo yogurt va mangiato solo lontano dai pasti. Non tanto perché consumarlo appena prima o dopo mangiato fosse in qualche modo dannoso per l’organismo. Bensì perché si temeva che i succhi gastrici originati dalla digestione potessero inibire l’azione dei suoi fermenti lattici.

Col tempo si è scoperto che questa affermazione non ha fondamento. I fermenti vivi contenuti nello yogurt non sopravvivono all’interno del corpo umano. Nondimeno la loro azione rende lo yogurt un alimento non solo digeribile, ma anche con effetti positivi sulla digestione umana. C’è quindi generale consenso sul concludere un pasto con lo yogurt. Ed è anche una buona idea per concedersi un piccolo sfizio evitando dessert molto calorici. In media infatti lo yogurt alla frutta fornisce meno di 400 calorie per 100 g.

LEGGI ANCHE: Come fare lo yogurt gelato: un delizioso dessert per l'estate

Mangiare lo yogurt a colazione?

Se chiedete a dieci persone un consiglio su quando mangiare lo yogurt, probabilmente la maggioranza vi risponderà: a colazione. Molte diete in effetti lo raccomandano, magari accompagnato a cibi ricchi di fibre, come, noci, cereali o frutta fresca. Si tratta di un modo salutare di iniziare la giornata, tenendo conto che la colazione dovrebbe fornire tra il 12 e il 20% delle calorie giornaliere.

Lo yogurt è leggero e ha il potere saziante tipico dei derivati del latte. A questo aggiunge il piacere di una colazione “dolce”, senza però esagerare con il contenuto di zuccheri. Aspetto non secondario in un paese, come l’Italia, la cui cultura gastronomica non ama particolarmente “partenze salate” al mattino.

LEGGI ANCHE: Yogurt "senza lattosio", qual è la differenza?

Spezza la fame e concilia il sonno

Per lo stesso motivo, lo yogurt può essere il modo ideale per estinguere il languorino che ci coglie nel pieno della mattina o a metà pomeriggio. Uno spuntino a base di yogurt, magari accompagnato da qualche pezzetto di frutta fresca, ci assicura l’energia di cui abbiamo bisogno e aiuta anche ad arrivare meno affamati al pasto successivo.

E prima di dormire? In molti fanno giustamente attenzione a quello che mangiano la sera. Il motivo? Cibi troppo pesanti rischierebbero di avere ripercussioni negative sul sonno. Anche da questo punto di vista, lo yogurt, soprattutto se magro è un alimento vincente. Numerosi studi sono stati dedicati all’effetto che quest’alimento ha sul riposo, dimostrando che non ci sono interazioni negative. Anzi: la presenza di un aminoacido come il triptofano, può conciliare il sonno.

Insomma: ogni momento della giornata è buono per mangiare lo yogurt e può esaltare i benefici di questo latticino: dipende solo dall’effetto che si cerca.04_yogurt_sera.jpg

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l’informativa se vuoi saperne di più.
Maggiori informazioni