Produzione Formaggio Trentingrana

Quali sono i formaggi stagionati? Quando la pazienza diventa eccellenza

  • Quali sono i formaggi stagionati? Quelli affinati per oltre 6 mesi.
  • Si distinguono dai formaggi freschi (meno di 30 giorni) e semi stagionati (da uno a 6 mesi).
  • Più a lungo è stagionato un formaggio, più il suo gusto e il suo aroma si intensificano.
  • Ogni tipologia ha un tempo minimo di stagionatura, che si può prolungare per più mesi o anni.
  • Non tutte le stagionature sono uguali: ci sono formaggi a crosta lavata, pulita, di fossa...

Perché distinguiamo formaggi freschi e stagionati?

In questo articolo vedremo quali sono i formaggi stagionati e le loro caratteristiche. Ma perché è un argomento importante? Il formaggio è da sempre un alimento principe della tradizione gastronomica italiana. Il nostro paese ne conta oltre 450 tipologie, ognuna con specifiche caratteristiche. Un panorama ricchissimo… ma anche complicato. Per orientarci in questo mondo sono stati inventati tanti modi di classificare i formaggi.

Per esempio in base tipo di latte, al contenuto di grassi, alle tecniche produttive. O, appunto, alla stagionatura. Distinguere tra formaggi freschi e stagionati è utile per dare il giusto sapore ad una ricetta o per servire formaggida degustare nel giusto ordine. Ma anche per adottare una dieta bilanciata. Le Linee guida per una sana alimentazione indicano infatti che la porzione corretta di formaggio fresco è di 100 g, mentre quella dello stagionato è di 50 g.

LEGGI ANCHE: Dicono che il formaggio fa ingrassare, ma è davvero così?

Quali sono i formaggi stagionati?

Per capire quali sono i formaggi stagionati bisogna chiarire innanzitutto che cos’è la stagionatura. Dopo che la cagliata è stata salata ed è stata tolta dalle forme, il formaggio può essere consumato subito… oppure fatto maturare per, settimane, mesi, o anche anni e anni. Questo periodo di affinamento è la stagionatura. Per scelta convenzionale, quindi si definiscono si definiscono:

  • formaggi freschi: se la maturazione è inferiore a 30 giorni;
  • a volte si parla di formaggi a breve stagionatura per quelli maturati da 15 a 60 giorni
  • formaggi semi stagionati o “a media stagionatura”: quelli invecchiati da 30-60 giorni fino a 6 mesi;
  • formaggi stagionati: sono quelli maturati per oltre 6 mesi dopo la produzione;
  • non esiste limite, in teoria, a quanto possa continuare la stagionatura di un formaggio!

LEGGI ANCHE: Formaggi freschi per neonati: come introdurli nello svezzamento?

Differenze tra formaggi freschi e stagionati

Ora che abbiamo chiarito quali sono i formaggi stagionati vediamo quali sono le differenze tra le varie tipologie. In linea di principio i formaggi freschi non hanno crosta, hanno un sapore più delicato, aromi che ricordano il latte e una consistenza morbida o molle. Questo in virtù del loro contenuto di acqua, pari o superiore all’80% del peso totale. Il che li rende anche meno calorici.

Durante la stagionatura i formaggi si asciugano. Sapore ed aroma divengono più intensi. E anche le componenti nutrizionali si concentrano e si trasformano. Per questo i formaggi stagionati sono più calorici, ma anche più digeribili. La disidratazione porta alla formazione di una crosta esterna e al cambiamento di consistenza, che, col passare del tempo, passa da elastica a dura fino a diventare granulosa e poi friabile.

LEGGI ANCHE: Stagionatura del formaggio: ecco cosa accade dentro la forma

Formaggi e tempo di stagionatura

Nei formaggi DOP e IGP i tempi di stagionatura, come tutte le altre caratteristiche importanti, vengono stabilite dal disciplinare di produzione. Ecco alcuni nomi di formaggi stagionati italiani DOP e del tempo di stagionatura minima previsto.

schermata_2020-11-04_alle_15_30_41.png

LEGGI ANCHE: Le croste di formaggio possono diventare piatti gourmet con la cucina anti spreco

Quando pazienza fa rima con eccellenza

Parlando di quali sono i formaggi stagionati abbiamo visto che il periodo di stagionatura varia da tipologia a tipologia. Tuttavia uno stesso formaggio può essere fatta stagionare più o meno a lungo in base al risultato che si vuole ottenere. Invecchiando, infatti, il formaggio acquisisce maggior sapore e complessità aromatica.

È il caso del Trentingrana “30 mesi”, che unisce alla bontà e genuinità della tradizione trentina, anche il valore aggiunto della lunga stagionatura durante la quale il sapore diviene più ricco e deciso, pur rimanendo equilibrato, grazie al latte con cui è prodotto, e l’aroma complesso e persistente. Solo poche forme selezionate - e per questo preziose - possono raggiungere questo livello di stagionatura.

Il Trentingrana è un formaggio DOP, facente parte del Consorzio di tutela Grana Padano, e ne rappresenta una specificità territoriale della provincia di Trento, riconosciuta da DPR fin dal 1987. La sua particolarità, oltre alla zona di provenienza, risiede nel rispetto di uno speciale regolamento: è fatto esclusivamente con il latte di bovine allevate sul territorio, alimentate con fieno, foraggi e mangimi rigidamente noOGM, senza utilizzo di insilati.

LEGGI ANCHE: L'alimentazione bovina è fondamentale per la qualità dei formaggi

Diversi tipi di stagionatura

Ora che abbiamo capito quali sono i formaggi stagionati possiamo aggiungere che i metodi di affinamento non sono infatti tutti uguali. Ci sono molte diverse modalità, che comportano azioni diverse da parte degli affinatori e che conferiscono diverse caratteristiche ai formaggi. Tutte hanno però solo un obiettivo: la qualità del risultato finale.

  • Crosta fiorita: sono formaggi a crosta fiorita quelli che nel momento della lavorazione vengono sottoposti ad un trattamento tramite muffe (in particolare Penicillium). Tali muffe, spruzzate sopra il formaggio ancora fresco, conferiscono alla crosta la tipica consistenza soffice e la colorazione biancastra
  • Crosta lavata: i formaggi a crosta lavata si chiamano così proprio per il fatto che durante la stagionatura subiscono spugnature di acqua e sale per eliminare la formazione di muffe e altre irregolarità.
  • Formaggi di grotta e di fossa: si tratta di un metodo molto particolare. Questi formaggi vengono stagionati in grotte che sono mantenute aperte o in fosse ermeticamente chiuse e aperte solo a stagionatura compiuta. Il particolare microclima conferisce caratteristiche uniche.
  • Formaggi affinati con aromi: un particolare percorso di stagionatura volta a trasformare la struttura e il corredo aromatico olfattivo del prodotto attraverso il contatto con prodotti naturali (fieno, spezie, vinacce, cenere, ecc.).

Formaggi a crosta pulita: formaggi a stagionatura medio-lunga vengono mantenuti in locali dotati di apposite scansie (“scalere”) dove sono continuamente rigirati e puliti, asportando le impurità con la raschiatura o la spazzolatura, senza però alterarne la crosta.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l’informativa se vuoi saperne di più.
Maggiori informazioni