Degustazione Formaggio Formaggi Stagionati Parmigiano Reggiano Grana Padano Vino

L’abbinamento di formaggi stagionati e vino: regionale o innovativo?

Una prima indicazione per l’abbinamento di formaggi stagionati e vino è sicuramente legata alla storia e alla tradizione del territorio.
Un Pecorino Sardo, ad esempio, troverà un ottimo abbinamento con un Cagnulari o con un Cannonau. Ma non per questo dobbiamo limitarci al territorio, escludendo un Chianti Classico o una Barbera d’Alba.
Se poi ci spostiamo sulle Alpi e cerchiamo di abbinare un buon calice di vino a un Piave Vecchio potremmo provarlo con un Amarone della Valpolicella o un Raboso del Piave, magari in versione “Malanotte”.

Nell’accostare vini e cibi non devono esistere imposizioni, soltanto linee generali.

Stupiamo gli amici con abbinamenti inusuali

Certo che se volessimo stupire chi ci accompagna in questo assaggio di formaggi stagionati e vino, perché non provare a sparigliare le carte e pensare a qualche passito, non troppo dolce ma con carattere e struttura? Ecco che potrebbero schiudersi sensazioni inaspettate se a fianco di un Asiago Stravecchio provassimo ad abbinare un Torcolato di Breganze o un Ramandolo friulano.
Che dire, infine del Grana Padano o del Parmigiano Reggiano stagionati 24 mesi? Sicuramente un abbinamento con i tanti e ottimi rossi italiani è d’obbligo: Montepulciano d’Abruzzo, Taurasi, Ghemme, Teroldego o Sagrantino di Montefalco. Ma, ancora una volta, perché porre limiti alla fantasia? Perché non provare un abbinamento con uno Sciacchetrà Ligure o un Vino Santo Trentino?

Con Grana Padano o Parmigiano Reggiano stagionati 24 mesi sicuramente un abbinamento con i tanti e ottimi rossi italiani è d’obbligo

Classico o innovativo? Purché piaccia!

Ricordiamo che nell’accostare vini e cibi non esistono e non devono esistere imposizioni. Soltanto alcune linee generali. Quindi se un abbinamento fra formaggi stagionati e vino a qualcuno non piace, non vi è alcun obbligo di sentirsi esclusi.
Se proprio vogliamo cercare una regola, questa deve prevedere equilibrio fra il formaggio stagionato e il vino. Ovvero nessuno dei due deve prevalere: in un caso ci sembrerà di bere acqua, nell’altro di mangiare aria.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l’informativa se vuoi saperne di più.
Maggiori informazioni