Curiosità Storia Cultura Yogurt

Come si scrive yogurt? Storia di una parola che arriva da lontano

Pensando a come si scrive “yogurt”, vi siete mai chiesti cosa c’è dietro questo suono dal sapore esotico che tuttavia ci è diventato così familiare? Ci sono parole che vengono da lontano. Viaggiano attraverso i continenti, attraversano gli oceani e si diffondono in tutto il mondo. E spesso si tratte di prodotti locali che arrivano a riscuotere l’apprezzamento globale.

Questo vale certamente per lo yogurt. Un latte fermentato le cui proprietà alimentari sono riconosciute universalmente. Chi mai avrebbe pensato che un alimento consumato per secoli soltanto nelle steppe asiatiche diventasse qualcosa di insostituibile nel banco frigo di ogni supermercato? Lo yogurt insomma, è onnipresente: ma da dove arriva questa parola? E cosa significa?02_yogurt.jpg

Una «g» che appare e scompare

Molti sono convinti che lo yogurt sia d’origine greca. Il che è parzialmente vero. A partire dall’Asia Centrale, dove pare sia nato circa 6 mila anni a.C., lo yogurt si è diffuso dapprima in tutto quello che un tempo era l’impero ottomano. Sono stati gli immigrati greci, però, a portarlo nel Nuovo Mondo, legando nell’immaginario collettivo la parola yogurt alla penisola del mare Egeo.

La parola, però, ha origine in Turchia, dove si scrive yoğurt. Quel segno sopra la g indica un suono appena accennato, quasi una pausa tra una lettera e l’altra. Non la consonante dura ben definita che pronunciamo noi. Ecco perché, in alcune lingue, come nel francese “yaourt”, la g è scomparsa del tutto.

Se alla domanda come si scrive yogurt volessimo dare una risposta scientifica, senza ricorrere a quel particolare accento, avremmo potuto usare la trascrizione “yoghurt”. La consuetudine tuttavia ha voluto in un altro modo.

03_yogurt_greco.jpg

LEGGI ANCHE: Lo yogurt per neonati: ecco quale scegliere

Le radici di un termine antichissimo

Adesso che è chiaro come si scrive (o, meglio, non si scrive più) yogurt, si può tentare un’escursione nell’etimologia. La radice turca «yog» è correlata all’atto del mescolare e può anche indicare una sostanza che si rapprende. Una traduzione letterale potrebbe suonare come “mescolato”, oppure “condensato”.

Due termini che raccontano molto di come nasce lo yogurt: scoperto, con tutta probabilità, casualmente, dopo aver lasciato il latte al sole degli altipiani, nelle giornate particolarmente calde. E, in seguito, diventato un prodotto raffinato, che richiede mani esperta e conoscenza delle materie prime.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l’informativa se vuoi saperne di più.
Maggiori informazioni