Degustazione Mozzarella

Come servire la mozzarella per esaltarne il sapore

Sembra una stupidaggine, ma le divergenti vedute su come servire la mozzarella possono creare discussioni e dibattiti feroci. Amicizie incrinate per una caprese troppo condita, matrimoni saltati per una “fior di latte” in frigo.02_banner.png

Le regole d’oro

Per evitare simili questioni e imparare come servire la mozzarella, partiamo dalla conservazione. In linea di principio, la mozzarella andrebbe gustata freschissima, ma non troppo. Se si acquista il giorno stesso in cui è stata prodotta è bene attendere il giorno successivo. (Anche due per pezzature dal mezzo chilo in su). Nel frattempo andrebbe sempre conservata al fresco nel suo liquido.

Tuttavia capiterà spesso e volentieri di trovare questa specialità tradizionale garantita in buste già riposte in frigo. In questo caso, a meno di un consumo praticamente immediato, si dovrà conservarli secondo le indicazioni del produttore. Il segreto è riportare la mozzarella a temperatura ambiente prima dell’apertura. Per farlo basta immergerla, chiusa nel suo contenitore, in un recipiente con acqua a 20°C.

Il segreto base per esaltare il sapore della mozzarella è riportarla a temperatura ambiente prima di servirla. Basta immergerla, chiusa nel suo contenitore, in un recipiente con acqua a 20°C.

Come servire la mozzarella e degustarla al meglio

Un prodotto unico come la mozzarella andrebbe esposta in tavola in tutto il suo splendore e tagliata solo al momento del consumo. Quindi non servita “già ferita”. Eccezioni plausibili sono date solo da presentazioni di piatti che prevedono la mozzarella come “combinata” ad altri alimenti. Come la famosa Caprese, che la mischia come in un mazzo di carte ordinate, a pomodori tagliati, basilico e olio extra vergine d’oliva. Attenzione però, anche in questo caso è determinante la rapidità di preparazione e freschezza espressa. Servitela appena tagliati tutti i pezzi della composizione.

Condire o non condire? Questo è il dilemma

In questo decalogo su come servire la mozzarella, un’ultima postilla è relativa al condimento. Alcuni pensano che la leggerezza e l’aroma di questo latticino a pasta filata si esaltino con l’aggiunta di olio extravergine di oliva, un pizzico di sale, una presa di pepe. Altri invece, considererebbero un affronto “rovinare” una mozzarella alterando la sua perfezione.

È buona norma, quindi, non condire personalmente i piatti a base di mozzarella, lasciando a ciascuno seguire il proprio gusto sul quanto possa essere coinvolta da spezie e sapori più o meno aggressivi. In questo modo i vostri ospiti saranno soddisfatti e voi a quel punto potrete spiegare loro come va servita la mozzarella.02_box_01.png

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l’informativa se vuoi saperne di più.
Maggiori informazioni