Alimentazione Latte Gravidanza

Ci sono controindicazioni a bere latte in gravidanza?

La gravidanza è un momento straordinario nella vita di una donna sotto ogni punto di vista. Per questo anche nell’alimentazione è necessario prestare particolare attenzione. È importante scegliere con attenzione le proprie fonti di nutrienti. Ma anche le fonti di... informazione.

In rete e non solo, in effetti, circolano troppe presunte teorie prive di fondamento. Che non solo generano inutili preoccupazioni, ma che possono anche risultare dannose per la mamma e il bambino. Oggi vogliamo fare chiarezza su eventuali controindicazioni al bere latte in gravidanza.

Diverse ricerche scientifiche hanno evidenziato correlazioni positive significative tra il bere latte in gravidanza e la salute generale del bambino

Bere latte in gravidanza: sì o no?

Non occorre rincorrere i risultati dell’ultima ricerca scientifica (passibili di essere smentiti da quella successiva). Il Ministero della Salute nelle sue linee guida per l’alimentazione delle donne incinte evidenzia le carenze a cui possono incorrere e le fonti nutrizionali ideali per prevenirle. Uno degli elementi da tenere in particolare considerazione è il calcio.

“Nel 3° trimestre circa 200-250 mg passano ogni giorno nello scheletro del feto: se non è l’alimentazione della madre a fornirli, saranno le sue ossa a privarsene, decalcificandosi. Occorre quindi arricchire la dieta base con latte e latticini”. (Ricordiamo che l’indicazione base sono tre porzioni di latte o yogurt al giorno e tre di formaggi la settimana).

LEGGI ANCHE: I formaggi freschi in gravidanza si possono mangiare?

Tra gli alimenti da evitare in gravidanza: gli insaccati, i cibi crudi di origine animale e gli alcolici in generale

Donne incinta e alimentazione

Naturalmente oltre a bere latte in gravidanza ci sono numerosi bisogni specifici. Tra questi proteine, vitamine (B1, B2, B12 ed A), il ferro e l’acqua. Gli alimenti da consumare abitualmente quindi sono: pesce, carni magre, uova, cereali integrali e un’ampia varietà di ortaggi e frutta, oltre a latte e latticini.

Tra le altre attenzioni:

  • evitare un aumento eccessivo di peso (quindi non “mangiare per due”: il fabbisogno giornaliero di energia, in media, aumenta di circa 300 kcal).

  • astenersi, in linea generale, dal consumare insaccati; escludere i cibi di origine animale crudi o poco cotti e le bevande alcoliche di qualsiasi genere.

Bimbi più grandi e sani

Vogliamo ora dare un’occhiata alle ricerche sul tema? Diverse ricerche scientifiche hanno evidenziato correlazioni positive significative tra il bere latte in gravidanza (e in generale assumere prodotti lattiero caseari) e:

  • peso del bambino alla nascita maggiore,

  • altezza dei figli misurata a 20 anni maggiore,

  • riduzione del rischio di allergia al latte,

  • protezione dal rischio di sviluppare depressione post partum.

In definitiva, la risposta è no: salvo specifici problemi individuali, non ci sono controindicazioni a bere latte in gravidanza. Anzi!

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l’informativa se vuoi saperne di più.
Maggiori informazioni