Filiera Sostenibilità

Benessere animale dei bovini da latte: l’Italia fa scuola

  • I consumatori di latticini sono sempre più interessati al benessere animale dei bovini
  • È provato che un maggior benessere animale migliora la qualità della produzione
  • L’Italia ha lanciato un progetto unico a livello internazionale: ClassyFarm
  • È un sistema di valutazione che ha l’obiettivo di migliorare salute e benessere animale
  • Migliorare la salute animale, umana, ed ambientale: obiettivi collegati nell’approccio One Health

Benessere animale bovini: l’interesse dei consumatori

Il benessere animale dei bovini da latte in Italia è un tema al centro del dibattito sia dentro che fuori la filiera lattiero casearia. Rappresenta infatti un fattore sempre più importante per l’opinione pubblica. Secondo una ricerca presentata al Dairy Summit 2019 oltre la metà dei consumatori italiani vorrebbe trovare nell’etichetta dei latticiniinformazioni relative al benessere animale nell'allevamento delle mucche da latte. Un sondaggio Eurobarometroha rilevato inoltre che il 43% dei consumatori italiani sarebbe già disposto a pagare di più per prodotti più rispettosi del benessere dei bovini.

LEGGI ANCHE: Il benessere animale: alla base della qualità

Una scelta che conviene a tutti

Già oggi esiste una normativa nazionale ed Europea sul benessere animale dei bovini (e delle altre specie d’allevamento). Secondo l’ultima relazione resa nota dal Ministero della Salute, solo nel 5% delle oltre 5 mila stalle controllate nel 2017 sono state riscontrate non conformità. (Di cui appena 50 riferibili alla categoria più grave).

Investire per migliorare gli standard attuali è comunque una scelta che conviene a tutti. A partire dagli stessi allevatori. È provato infatti che accorgimenti in grado di migliorare i livelli di animal welfare delle vacche da latte aumentano sia la quantità che la qualità della produzione. (E quindi la sostenibilità economica dell’intera filiera).

Tra le innovazioni già diffuse in molti allevamenti possiamo citare ad esempio:

  • moderni impianti di aerazione e raffrescamento a pioggia;
  • una comoda zona riposo per migliorare la fase di ruminazione;
  • spazzole basculanti automatiche che stimolano la circolazione sanguigna;
  • rivestimenti in gomma igienica e antiscivolo delle superfici interne;
  • nuove tecnologie dei locali e degli impianti di mungitura;
  • formazione del personale e miglioramento dell’organizzazione.

2-istock-1199418068.jpg

GUARDA IL VIDEO: Bianco - episodio 6 - Animali felici

Il modello italiano: ClassyFarm

Mira appunto ad un miglioramento degli standard di benessere animale di bovini, suini, polli italiani il progetto ClassyFarm. Si tratta di un sistema integrato di classificazione delle aziende, esteso lungo tutta la filiera e condiviso tra le varie autorità competenti. Il suo obiettivo è l’aumento del livello di qualità e sicurezza alimentare dei prodotti agroalimentari Made in Italy.

Si tratta di un modello unico nel suo genere a livello europeo e internazionale che sta riscuotendo un forte interesse nel settore. Un progetto voluto e finanziato dal Ministero della salute - Direzione sanità animale e realizzato dall’Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Lombardia ed Emilia Romagna con la collaborazione dell’Università di Parma.

LEGGI ANCHE: Il latte fa bene anche al territorio. Ecco perché

Benessere animale dei bovini: le linee guida

Il progetto ClassyFarm prevede la definizione di linee guida e metodi di valutazione univoci per il benessere animale dei bovini e delle altre principali tipologie di allevamenti. In ciascuna area di valutazione vengono definiti livelli ottimali, sufficienti o insufficienti in modo da poter valutare l’allevamento oggettivamente e nel suo complesso. Nonché indicare gli interventi necessari a migliorarlo.

Per le bovine da latte sono prese in considerazione oltre 60 parametri tra cui:

  • numero e formazione specifica degli addetti
  • gestione degli spostamenti degli animali
  • rispetto delle “5 libertà” del benessere animale
  • qualità dell’alimentazione e disponibilità di acqua
  • igiene delle superfici, delle strutture e della mandria
  • spazi disponibili e adeguatezza delle diverse aree
  • parametri di illuminazione, temperatura, umidità
  • manutenzione e monitoraggio degli impianti
  • parametri di benessere e salute fisica delle bovine
  • misure di prevenzione e bio-sicurezza adottate

LEGGI ANCHE: Ecco le "5 libertà" alla base della normativa sul benessere animale

Il modello one health: benessere, salute e sostenibilità

I principali obiettivi per il prossimo futuro degli allevamenti della filiera lattiero casearia sono riferiti a tre fronti. Da una parte c’è l’adeguamento alla normativa in continua evoluzione (ad esempio quella sul benessere animale dei bovini). Dall’altra la necessità di garantire la sostenibilità economica delle aziende agricole con un equo reddito per gli allevatori. Dall’altra ancora rispondere alle esigenze di consumatori sempre più attenti agli aspetti etici della produzione alimentare.

Il raggiungimento di questi obiettivi è sempre più legato ad un approccio cosiddetto One Health (letteralmente: “una salute”). Salute dell’uomo, degli animali e dell’ambiente. Tre fattori di cui si comprende sempre più lo stretto legame. La salute umana è legata al livello di benessere degli animali e al rispetto dell’ambiente, che non può prescindere dal riconoscimento dei progressi fatti dagli allevatori. E così la sostenibilità economica delle aziende non può prescindere dal benessere degli animali e dalla risposta alle istanze dei consumatori.

È sempre più vero insomma che il benessere animale, bovino e non solo, conviene a tutti.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Leggi l’informativa se vuoi saperne di più.
Maggiori informazioni